Gianfranco

L’incrocio di Nervia a Ventimiglia (IM), oggi. Poco più in là, subito a sinistra sulla strada provinciale per Dolceacqua e Pigna, la nostra vecchia casa.

Quando ho conosciuto Gianfranco Raimondo abitavamo tutti e due a Nervia, nella zona di levante di Ventimiglia (IM). Ma io ero molto piccolo. Qualche anno fa gli ho ricordato che a quell’epoca, più di sessant’anni fa, sua madre aveva portato me e mio fratellino a vedere uno spettacolo da lui presentato. A lui é tornato allora in mente che si trattava della prima volta in cui si cimentava in tale veste. Poco prima che con la sua famiglia si trasferisse in centro, sempre sua madre mi chiese se volevo due annate complete del noto quotidiano sportivo nazionale, che suo figlio metodicamente comprava. Prontamente accettai – spazio ne avevamo! – e lessi con avidità tutto quello che veniva riportato in quei giornali sul ciclismo: ma tornerò presto sull’argomento.

Gianfranco é in oggi molto attivo su Facebook, scrivendo di aneddoti, persone ed anche storia della zona. Se qualcuno cerca su Facebook Gruppi come VENTIMIGLIA D’ANTAN …….il gruppo o pagine quali Ventimiglia d’antan, ideati e curati da Gianfranco, si imbatte di sicuro in aspetti curiosi ed interessanti.

Mi riprometto di ripercorrere qui alcuni suoi passi. Come ho già ripubblicato su altro blog suoi corposi articoli.

In questa occasione mi limito a… spiluccare qualcosa da certe sue memorie. Ad esempio sul Bar Irene di Ventimiglia, su cui mi sono già soffermato. Sostiene… Gianfranco che il compianto secondo proprietario di quell’esercizio organizzava pure attività complementari, come la festa hawaiana su una spiaggia di Latte, alla quale si presentarono, per via di un tam-tam davvero straordinario, avventori direttamente da Torino. Ancora, dalle parole di Gianfranco. Un dancing anni ’50, dove era d’obbligo entrare eleganti (che io soprattutto rammento, per sentito dire, quale sede elettiva, causa l’ampio spazio disponibile, e compreso un tavolo da biliardo, di diversi studenti delle superiori che ai miei più tardi tempi marinavano la scuola). Il giovanotto ventimigliese, che, già cliente abituale del citato locale, ebbe l’onore di ballare con Kim Novak; non dice dove; forse a “Il Pirata” di Roquebrune Cap-Martin; puntuale, comparve sul noto social media la fotografia che attestava l’episodio. Scene di vita mondana nella vicina Costa Azzurra con partecipazione “straordinaria” di cittadini del Ponente Ligure. Il fotografo che, con un suo lungo appostamento su di un albero davanti alla nota villa di Saint-Tropez, riesce a commuovere Brigitte Bardot ed ottenere uno splendido servizio in esclusiva.

Ed infine ecco Gianfranco Raimondo (gagliarda classe 1935!) a sinistra con me in una fotografia di pochi anni fa.

Precedente Un'arcana malia per il Grande Torino Successivo Alfredo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.