Imprimatur

Fonte: www.lafeltrinelli.it

Quando qualche anno fa ho visto su di un quotidiano la notizia del boicottaggio in Italia di “Imprimatur” e di altre successive opere della coppia dei suoi autori, quel romanzo me lo ero quasi dimenticato, di sicuro non ne ricordavo il titolo, pur avendolo letto con grande attenzione ed entusiasmo.

Si tratta di un giallo storico ambientato a fine ‘600 a Roma, in piena età barocca, dunque, intessuto con vera ispirazione dei giusti ingredienti dei due generi di riferimento, denso, considerato il periodo in esame, di personaggi, riferimenti e particolari interessanti, con poche concessioni – ma una molto significativa – alla fantasia: un bel libro, insomma, a mio modesto giudizio.

Non mancano, dirette o sottese, ma mai pedanti, riflessioni amare sul potere e sulla società, soprattutto in ordine alla Francia del Re Sole e al Papato: in riferimento a quest’ultimo una chiave di lettura in termini di attualizzazione spiegherebbe, a detta degli autori e di altri loro commentatori, la mancata ristampa e il subitaneo ritiro delle copie ancora in circolazione di quel volume e l’assoluta carenza di editori nazionali per i romanzi che ne sono seguiti.

Riprendo dal Web, pescando qua e là, perché la vicenda ormai è vecchia: “Imprimatur è un romanzo storico ambientato nella Roma del 1683, nella settimana di settembre che coincise con la battaglia di Vienna tra le truppe cristiane e quelle turche. Rita Monaldi e Francesco Sorti, gli autori, sono all’esordio letterario. L’editore Mondadori, acquisisce il manoscritto e lo pubblica nel marzo del 2002. All’inizio il libro scala le classifiche ma a un certo punto l’editore sembra non crederci più. Il libro non viene più ristampato. Imprimatur sparisce dai cataloghi e dai siti di vendita usuali. Gli autori ottengono nuovamente i diritti. Vanno all’estero e cominciano a contattare gli editori più importanti. Il risultato è che ad oggi Imprimatur è stato stampato in almeno quarantacinque paesi e ha venduto più di un milione di copie nel mondo. Ma perché il romanzo era sparito dal novero delle “creature del creato”? Come mai non veniva più recensito? Come mai era sparito dai motori di ricerca librari su internet? Le risposte arrivano a fatica, tra silenzi e “no comment” d’ordinanza.”

A causa della valanga di ordinazioni effettuate dopo la trasmissione televisiva “Complotti” l´edizione italiana di “Imprimatur” è andata esaurita. L´editore olandese l´ha ristampata e anche la seconda edizione è terminata dopo pochi giorni. La terza edizione è in vendita non solo presso la libreria online olandese e belga Proxis , ma anche presso la libreria on line Hoepli, che nel frattempo ha richiesto all´editore olandese di poter vendere in Italia IMPRIMATUR. Una vera novità, dato che finora tutte le librerie on line italiane si erano rifiutate di accettare il libro… Poco dopo la pubblicazione del libro… gli autori denunciarono un boicottaggio dalle case editrici italiane le quali, su presunta pressione vaticana, che non avrebbe gradito la pubblicazione di fatti storici riguardanti le trame di papa Innocenzo XI, ne evitarono la ri-pubblicazione nonostante il successo conseguito.

“Imprimatur” era il primo romanzo di una serie formata da sette thriller storici. Ricordo vagamente che qualche titolo successivo è uscito. Non so in tutto quanti. Ma io sono rimasto a… “Imprimatur” 1!

 

Precedente Non solo Salgàri Successivo Jacarande...