Vento di mare

Vento di mare, vento di terra, libeccio, grecale e via dicendo. Qui, nell’estremo ponente della provincia di Imperia, affacciati come siamo sul mare, siamo portati a considerare il vento un ospite abituale. Io, dal canto mio, non sono mai riuscito a imparare i nomi precisi dei vari fenomeni. Tant’è!

Di solito, insiste un vento di mare. Come quello spira proprio in questo momento (ma le fotografie sono di un vecchio archivio!).

Un vento che mi fa tornare in mente tante immagini e tante situazioni.

Pensando alla vicina Provenza, un dicembre di diversi anni fa con una Marsiglia veramente flagellata: dal sagrato di Notre Dame de la Garde sembrava che l’isolotto d’If venisse, insieme a tutte le memorie del Conte di Montecristo, da un momento all’altro inghiottito dalla furia del mare. E per associazione d’idee penso ad un vento (dei venti) che ha (hanno) altre provenienze e che quasi sempre si accompagna (accompagnano) allo scorrere tumultuoso di torrenti e di fiumi montani, il vento (i venti) che spira (spirano) nelle Alpi di Bassa Provenza nelle pagine di Pierre Magnan, dense di omicidi gotici, di personaggi comunque indimenticabili anche perché quasi tutti avulsi dallo scorrere della storia, dei variopinti colori di cime, foreste, prati, rocce, forre, giardini segreti; della natura e di pietre, pregne di storia, insomma.

Nel Ponente Ligure quasi in ogni stagione, invece, la furia del vento spinge il mare a devastare litorali di difficile, anche per l’incuria dell’uomo, ripascimento, spesso con conseguenze devastanti per gli stabilimenti balneari e per le stesse opere di fabbrica delle passeggiate a mare.

Sul piano letterario pagine sublimi sugli effetti cangianti, di luce, di colore, di forma, del vento sul nostro mare ha scritto un insigne autore di questa terra, Francesco Biamonti.

 

Precedente 120, rue de la Gare Successivo La Margunaira a Ventimiglia (IM)