Riviera nature notes

La Mortola di Ventimiglia (IM), più precisamente in primo piano un sentiero nei pressi dei Giardini Hanbury, in una fotografia la cui data ultima si può presumere dal fatto che, insieme ad altre che qui pubblico con selezione molto soggettiva (e tecnica di riprodizione molto approssimativa…), correda Riviera nature notes / a popular account of the more striking plants and animals of the Riviera and the Maritime Alps di George Edward Comerford Casey.

Edito nel 1903 da Bernard Quaritch a Londra.

L’autore conobbe Hanbury, creatore di quei Giardini, così come viene riferito nel suo libro.

È significativo che l’autore affermi di avere soggiornato in quella che noi oggi chiamiamo Costa Azzurra già prima dell’annessione di Nizza alla Francia, perché, in rapporto al momento di pubblicazione del suo lavoro, si conferma la sua constatazione in loco della trasformazione del paesaggio.

Nel suo libro compare ancora il nome italiano di Lantosca, anziché l’attuale Lantosque (sulla Vésubie): un’altra piccola curiosità.

Non sono in grado di esprimere pareri sulla parte scientifica – la maggiore – del suo trattato. Di sicuro ci sono diverse, singolari digressioni di ordine storico: ad esempio sulla definizione di portogallo che riscontra sul posto per l’arancia, termine che Casey riteneva tipicamente britannico.

A me interessava darne sommariamente conto, ma ancor più pubblicare inconsuete – ritengo – immagini d’epoca di siti a me vicini nello spazio e da me quasi tutti ben frequentati, quasi a fissarmi nella memoria come erano un tempo.

Come nel caso di La Roquette-sur-Siagne, paesino che mi riporta con il pensiero a generose e modeste persone conosciute anni addietro. Ma questo é un altro discorso.

Precedente Quella volta a Roquebrune Successivo Noterelle milanesi