Jacarande…

Ogni tanto mi chiedo perché ho smesso di fotografare jacarande. La soprastante immagine è, infatti, al pari di quelle che seguono, alquanto datata.

E pensare che la mia passione iniziò non molti anni fa, dopo avere visto casualmente quelle che oggi mi sembrano due piante piazzate tra i due porti di Sanremo (IM), con le radici quasi lambite dal mare, all’epoca molto, ma molto striminzite.

A pochi metri dalle prime, dall’altra parte della strada, ce ne é una maestosa, che sta quasi ad indicare la pista ciclo-pedonale che si snoda per metà provincia di Imperia sul vecchio tracciato della ferrovia. Ma per accorgermi della sua fioritura ho fatto passare ancora qualche anno, il che introduce il probabile assioma, in base al quale questi alberi d’importazione, se non rifulgono di quel colore, come spesso può loro capitare, vengono quasi inevitabilmente confusi con altri più noti, come quelli del pepe o del finto pepe, più noti dalle nostre parti.

Aggiungo che tutte queste informazioni le ho apprese dal mio amico, grande fotografo, Alfredo, di cui ho già qualche volta parlato.

Questa pianta, che orna il Giardino Monet di Bordighera (IM) e che si può notare anche nel primo scatto, mi diede lo spunto per fare i miei primi passi da blogger.

Un giorno fotografai una jacaranda in un tratto della Via Aurelia sito tra Bordighera ed Ospedaletti (IM). Si era colà appena fermata una signora in motocicletta per fare con il telefonino la mia stessa operazione. Aveva visto casualmente quella pianta e non ne conosceva il nome, che chiese invece a me. La mia modesta conclusione sul punto è che, non fiorendo dalle nostre parti tutte ogni anno e non sempre nello stesso periodo, possano passare inosservate anche agli occhi degli appassionati di botanica, come mi è capitato di riscontrare ancora di recente.

Mi vengono in mente altre cose sulle jacarande. In attesa delle loro adesso un po’ lontane fioriture, in occasione delle quali mi riprometto di tornare a fotografare qualche esemplare almeno della Riviera dei Fiori, e di riordinare le mie idee circa altri pertinenti aneddoti, mi accomiato con l’immagine di una jacaranda di Mentone, posizionata abbastanza vicino alla frontiera, un albero che forse ha smesso di crescere in modo stentato: anche in questo caso dovrei procedere ad un controllo…

 

Precedente Imprimatur Successivo Il deputato contadino e le piene del torrente Nervia