Dolcedo

Ho scritto di recente qualcosa sugli albori del Web in provincia di Imperia.

Non ho aggiunto molto di esperimenti fatti all’epoca in collaborazione con altri.

Una prova sintomatica venne condotta a Dolcedo (IM), un bel paese in Val Prino. E interessanti sono le frazioni di Dolcedo. Si tratta di borghi ricchi di storia. In quell’occasione vidi poco, perché arrivammo di sera.

L’episodio mi è tornato in mente per associazione di idee, leggendo alcuni commenti sulllo specifico gruppo Facebook, cui ho già fatto cenno e che mi ha ispirato il precedente trafiletto sul tema.

Si era organizzata, con la collaborazione (se rammento bene) dell’Amministrazione Comunale, la presentazione in pubblico (abbastanza folto, per essere agli esordi del Web e in un piccolo centro) di pagine, anche interattive, di informazione su determinate politiche di sviluppo economico, segnatamente relative al turismo, della Commissione Europea.

Si era decisamente in anticipo sui tempi. Direi. Merito di un consulente, decisamente appassionato, che in oggi, purtroppo, non riesco a rintracciare, non fosse altro per simpatia umana.

Quella volta ci dividemmo i compiti. Non entro in particolari. Potrei aggiungere che il sito che ospitava quel progetto era di una signora, il cui marito è attualmente un autorevole funzionario pubblico. Che i giovani coniugi, esperti in materia, che fecero allora i più precisi collegamenti ed i più forti coinvolgimenti tra gli attori in causa, sono professionisti sempre più affermati. E che del ruolo del sottoscritto, letto in controluce per conto dell’Associazione per cui lavoravo, si può trovare traccia nel mio particolare, precedente post.

Non vado oltre sugli specifici tecnici e di contenuto.

Mi preme sottolineare la simpatia che si era creata tra noi collaboratori. Cementata con alcuni ancora in seguito. Con tutti immediata quando ci si rivede. Solo che, come ho già anticipato, da troppo ho perso le tracce di Hervé…

 

 

Precedente Mare, mare, mare Successivo Nicolaas Witsen, erudito e viaggiatore olandese del Seicento