A proposito di Torquato

Ho conosciuto più da vicino e meglio il tasso attraverso Kenneth Graham e il suo “Vento nei salici” tradotto da Beppe Fenoglio.
Un testo scritto dall’autore per il figlio, da leggere ogni sera a letto, completo di mappa per seguire meglio la storia.
La targhetta di ottone sulla porticina diceva Mr. Badger.
The Wind in the Willows interessó Fenoglio nonostante la non facile traduzione.
Pare che Graham nella veste originale inglese fosse già sorprendentemente fenogliano.
Un tasso burbero ma bonario.
Un vero tasso in pelo e ossa lo vidi al calar della sera tra Bajardo e Apricale.
Il faro della moto lo illuminó un istante, si fermò un secondo a guardarci e scomparve veloce.
Nel tempo ho scoperto le sue abitudini che irritano il genere umano.
Ad un’amica che abita in collina nelle incursioni notturne nel suo giardino lancia le povere piante con le radici all’aria una notte sì e una no.
Inutile ricorrere a chiudere tutti i buchi di entrata pare sia un abile arrampicatore.
A due coniugi che abitano in pianura scava tombe funerarie in cui precipitano cavoli e porri.
I poveri ortolani disperati ricorrevano ad una trappola, se pur la legge lo vieta.
Il povero Torquato ignaro delle sue colpe finiva dietro le sbarre.
I suoi inutili tentativi di fuga e il suo sguardo pieno di terrore spingevano la signora a porgergli qualcosa da mangiare per consolazione.
L’ingrato furente gli portava via con le unghie affilate un pezzo di un dito della caritatevole mano.
Fu trasportato, mi dissero, nel bosco.
Non ero molto convinta, sapendo quanto fosse prelibata dagli amanti della selvaggina la sua carne prelibata.
La Val Nervia è luogo molto amato dai tassi.
Mentre gli abitanti non ricambiano.
Ogni tanto prendo in mano una versione francese illustrata del “Le vent dans les Saule” per entrare in casa di Monsieur Blaireau.
Io non ho mai avuto un ospite Tasso nel mio giardino e non posso perciò parlarne male.
È certo che noi umani ci consideriamo gli unici proprietari della terra e di conseguenza ci comportiamo egoisticamente.
Gris de lin

Precedente Regina nomade Successivo Circa l'erba di San Guglielmo